Chi siamo

Crediamo nella vita del teatro e guardiamo al teatro come vita.
Intanto, ci divertiamo molto

Facciamo teatro.
Ovunque lo si possa fare; in scena, su due ruote o, addirittura, tra i tavolini di un bar.

Siamo una compagnia teatrale e nasciamo con un sogno ed un innamoramento.
Il sogno è quello di poter rendere fantastico l’ordinario grazie all’oggetto del nostro innamoramento: il teatro.

mix2.jpg

La nostra storia

Nel 2013 è nato il nostro primo lavoro “Dammi la tua Fine”.

Uno strano oggetto artistico che rifuggiva dai canoni della scena; due attori, un locale tutte le volte diverso, il pubblico a un passo a condividere le nostre parole. Un po’ teatro, molta improvvisazione e tanta poesia. In un tempo in cui le parole “site-specific” suonavano ancora un po’ strane, per lo meno a noi. Da quel 2013 i nostri lavori continuano a cambiare forma abbracciando sfide e linguaggi alternativi, alla continua ricerca di un approccio alla messinscena sempre differente. Ci ritroviamo a saltellare tra progetti dentro e fuori dal palco, pensando allo spettatore e alla sua partecipazione come due degli ingredienti dell’azione teatrale. Così, negli anni, abbiamo alternato progetti artistici “solo palco”, come il monologo onirico e poetico DI A DA, a performance in cui lo spettatore è anche drammaturgo in scena come “Il gioco nel paese dei balocchi”. Giocando con la partecipazione, nel 2018 abbiamo iniziato a collaborare con la casa editrice di giochi di ruolo Grumpy Bear creando il progetto OPPURE e abitando quel limite sottile che unisce gioco e teatro. Dal 2014 alimentiamo il nostro rapporto con il pubblico anche organizzando rassegne e stagioni, sempre senza dimenticare il nostro primo amore: la produzione artistica.

​​Attrice, regista ed autrice della compagnia si occupa anche di progettazione e formazione.
Non le piace fare solo una cosa per volta, ha tanti e diversi interessi e le piace formarsi e formare.
Per questo dopo gli studi da attrice, prosegue il suo percorso frequentando il master dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in Teatro Sociale e di Comunità e affina le sue competenze nella programmazione e progettazione grazie ad un corso in  Audience Development tenuto dalla Fondazione Fitzcarraldo.

Dapprima si perfeziona nell’arte della recitazione. Poi si concentra sul lavoro di produzione artistica, maggiormente incentrata sulla partecipazione attiva del pubblico (ma non solo), con spettacoli che vengono messi in scena all’interno di situazioni canoniche (come i teatri) o inconsuete (bar o luoghi non convenzionali). Nel 2016 fonda, sempre con la Compagnia e con Grumpy Bear, casa editrice di giochi di narrazione, il progetto “OPPURE”, in cui si mischia l’attività socio-ludica alle dinamiche teatrali per creare progetti ibridi. Sviluppa la sua competenza anche nell’illuminotecnica di scena teatrale.

Iscriviti alla mailing list

Grazie per l'iscrizione!