Testo e interpretazione
Elisa Campoverde e Marco Ottolini
Game Design Flavio Mortarino

Un progetto Oppure
in collaborazione con Grumpy Bear

Guarda il trailer

Testo, Regia e interpretazione
Elisa Campoverde e Marco Ottolini
Disegno luci – Simone Moretti, Marco Ottolini e Mattia Sartoni
Scene – Roberto Ranghieri
Ambiente SonoroRoberto Ranghieri e Folco Orselli
Maschere – Francesca Lombardi

con il sostegno di LIBERA.
Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie

produzione Compagnia CampoverdeOttolini

TI INTERESSA LO SPETTACOLO?
CLICCA E SCRIVICI

Chi sono i partigiani?
Cosa vuol dire vivere al centro di una quotidiana guerra civile?
Cosa vuol dire vivere in guerra? 

Per le generazioni contemporanee queste domande non portano con sé una risposta.

I nati dopo il 1948, infatti, hanno goduto e godono di una pace assodata, scontata alle volte. La guerra per loro è una notizia al telegiornale, un capitolo in un libro di storia, alle volte una mossa nella scacchiera geopolitica del pianeta ma mai, per fortuna, un reale accadimento che si ripercuote sulla nostra quotidianità.

LA RESISTENZA DI IDA ED ERMANDO è un progetto che mira a diffondere la storia del secondo dopoguerra e a far empatizzare i partecipanti alle vicissitudini dei protagonisti della lotta partigiana.

Un gioco di ruolo che avendo come contesto storico e scenario i fatti realmente accaduti durante la guerra civile italiana, consente ai giocatori di tessere le storie di due proto-personaggi, Ida ed Ermando, determinandone le scelte.

E una lettura scenica drammatizzata dalla voce dei personaggi giocati, per rendere chiara la differenza tra storia vissuta e storia raccontata.

Seduti ad un tavolo, pensando e ricostruendo la storia di due innamorati al tempo del conflitto; uno un partigiano, l’altra la sua amante.
E in mezzo, la guerra.

Se vuoi seguire i progetti della compagnia iscriviti alla newsletter
o metti mi piace alla nostra pagina Facebook!