PARTENZE

girandola e bambino

Le lunghe attese che passano da una conversazione interessante a un’altra poco piacevole.

Le lunghe attese in coda per aspettare il proprio turno, a volte per farsi dare solo un saluto.

Le lunghe attese fissando un punto, senza aspettare nulla, rendendo quello che attendi innocuo.

Ci siamo lasciati alle spalle tante cose. Se volete qualcosa che possa aiutarvi a visualizzarle, immaginate una girandola colorata enorme, del colore che preferite, che viene mossa vorticosamente da un vento imprevedibile, misterioso, caldo. Ogni tanto, dall’alto, cadono polveri colorate, pezzi di carta argentati, piume fosforescenti, bolle di cristallo trasparenti, specchietti scintillanti, parole iridescenti, parole fulminanti, gatti, volpi e un grosso cartello chiamato Immaginazione.

Noi, sotto questa girandola, con un sorriso e gli occhi aperti, proviamo a ballare la musica nella nostra testa. Intorno a noi, in questo cerchio magico, altre persone che ci guardano, sorridono, danzano con noi. E raccolgono il cartello per poi rilanciarlo di nuovo in aria…

Compagni di questa giostra, che ringraziamo tanto, sono stati Spazio Elementare, It Festival 2016 e il Teatro Della Contraddizione.

E’ il modo più semplice che abbiamo per raccontarvi quello che è successo negli ultimi mesi con il progetto di Indagine su un burattino al di sopra di ogni Geppetto – del perchè continuiamo a credere alle favole. Di cui andiamo molto fieri.

Il progetto, naturalmente, è in divenire. La girandola colorata si muove continuamente, i compagni di viaggio sono ancora con noi ed altri ne stanno arrivando.

E’ tutto più lento non per mancanza di vento ma in attesa di qualcosa. Di un nuovo tifone, ancora più imprevedibile di prima. Stiamo ricaricando le forze per tornare a ributtarci sotto la girandola…

Per ora, vi possiamo solo dire che il vento tornerà a farsi sentire prepotente verso l’autunno. Che già, adesso, in estate, ci dedichiamo delle importanti brezze rinfrescanti e corroboranti. E che ci piacerebbe avervi con noi, dalla parte colorata. Del colore che volete voi.

Noi aspettiamo.

L’importante è farlo sotto la girandola gigante.

Senza timore di attendere.

Senza timore di aspettare.

Senza timore.

Che tanto, prima o poi, è quel cartello con su scritto Immaginazione che vi viene a chiamare…